I 9 indicatori più importanti di Semalt per misurare le prestazioni SEO del tuo sito



Lavorando nel campo dell'e-marketing e del marketing sui motori di ricerca o gestisci un sito per vendere prodotti o offrire servizi, dovrai ovviamente apportare miglioramenti al tuo sito per renderlo compatibile con i motori di ricerca, affinché appaia nei risultati di ricerca su "Google", "Bing" e altri motori di ricerca globali.

Ma dopo aver prestato attenzione ai miglioramenti; come fai a sapere il successo che hai raggiunto? O meglio, come determineresti le prestazioni del "SEO" sul tuo sito?

Queste sono le diverse domande a cui cercheremo di rispondere in dettaglio nel nostro articolo di oggi. Questo è molto importante perché è un modo che ti consentirà di conoscere le condizioni esatte del tuo sito. In questo modo puoi sapere cosa c'è di sbagliato nel tuo sito e saperlo le precauzioni da prendere per evitare di perdere il tuo traffico così come il tuo investimento.

1. Visite e sessioni non retribuite

Le sessioni organiche sono note come le visite che arrivano al sito e le azioni che l'utente esegue durante quella visita prima di lasciare il sito. Una sessione è anche un insieme di azioni come navigare, effettuare acquisti e inserire dati all'interno del sito. Consente inoltre di sapere se l'utente smette di interagire all'interno del sito. La sessione termina dopo 30 minuti e puoi regolare la durata da secondi a ore.

Qual è il vantaggio delle sessioni gratuite del sito?

Il tasso di crescita delle sessioni gratuite e delle visite al sito è l'indicatore chiave più importante che è in linea con gli obiettivi di migliorare i motori di ricerca per attirare l'attenzione sul tuo sito, e le ragioni della crescita del traffico sono dovute a una serie di fattori che possono essere identificato attraverso l'analisi dei dati del sito, come il miglioramento interno del sito per la compatibilità dei motori di ricerca e la scrittura di un indirizzo attraente per i clienti, oltre ad avere una descrizione utile della pagina nei risultati di ricerca che motiva il visitatore a premere e prendere decisioni, tutto ciò contribuisce ad aumentare le sessioni gratuite sul sito.

I risultati delle sessioni gratuite sul sito includono l'aumento della consapevolezza del marchio e il miglioramento del posizionamento nei motori di ricerca, che a sua volta aiuta a raggiungere un'ampia base di clienti, ottenendo un'eccellente opportunità per trasformare potenziali clienti e le sessioni gratuite sono misurate da Google Analytics, uno dei gli strumenti gratuiti di Google Analytics che forniscono dati agli operatori di marketing per migliorare le prestazioni dei motori di ricerca.

2. Elevato posizionamento delle parole chiave nei motori di ricerca

Le parole chiave sono quelle che l'utente cerca nei motori di ricerca per un servizio, prodotto o informazione, e la scelta delle parole chiave è legata a diversi fattori, il più importante dei quali è l'intenzione dell'utente, su cui Google visualizza i risultati nelle pagine del motore di ricerca (SERP).

Inoltre, l'indice di valutazione delle parole nei risultati di ricerca è l'ordine di queste parole nelle pagine dei risultati, che dovresti tenere d'occhio, più ti avvicini ai primi risultati, migliore è il posizionamento del tuo sito nelle parole chiave lunghe che sono i più cercati.

Pertanto, il ranking delle parole chiave è uno degli indicatori chiave del successo della strategia "E", in quanto il miglioramento dell'ordine delle parole chiave porta ad un aumento del traffico sul tuo sito e a clienti più poco raccomandabili, il che contribuisce ad aumentare la percentuale di vendite e realizzazione di profitto, in modo che tu debba seguire le parole e apportare i miglioramenti necessari per continuare ad avere successo, è interessante notare che puoi accedere a tutti i dati delle parole chiave tramite Google Analytics, uno degli strumenti gratuiti di Google per aiutare i webmaster e gli imprenditori avere successo sui motori di ricerca.

3. Trasformare i clienti

Il compito di identificare parole chiave, miglioramenti interni ed esterni ai motori di ricerca è quello di attirare potenziali clienti sul tuo sito per iniziare il tuo prossimo passo nel trasformarli in clienti reali per completare la vendita, dove il processo di conversione inizia con il primo vero contatto con il cliente su il tuo sito e diverse forme di comunicazione come:
  • Comunica tramite chat
  • Invia un messaggio tramite e-mail
  • Registrati alla newsletter del sito web
  • Telefonata
  • Effettua l'acquisto direttamente
Pertanto, la conversione dei lead è una delle cose chiave in qualsiasi attività ed esprime l'obiettivo principale del marketing online di costruire una base di clienti reale e aumentare le vendite, e per ottenere risultati migliori, Google Analytics aiuta gli esperti di marketing e i gestori di siti a monitorare il traffico di conversione dei clienti attraverso l'analisi che fornisce, grazie alla quale puoi creare una serie di obiettivi per monitorare il percorso di conversione attraverso la quale, a tua volta, fornisci dati dettagliati su:
  • Velocità di trasferimento tramite telefono o computer
  • Percentuale di clienti maschi e femmine
  • Quali pagine offrono risultati di conversione migliori
Per migliorare i risultati, miglioriamo il tasso di conversione e miglioriamo l'esperienza dell'utente:
  • Il tuo sito è facile da usare?
  • Lo scopo delle pagine è chiaro agli utenti?
  • Il contenuto del sito web è affidabile?
  • È possibile navigare facilmente nel sito?
Dopo aver risposto, apportare i miglioramenti necessari e monitorare i risultati.

4. La frequenza di rimbalzo

La frequenza di rimbalzo riflette la frequenza con cui gli utenti escono dalla pagina immediatamente dopo il download senza intraprendere alcuna azione. La frequenza di rimbalzo viene calcolata dividendo il numero di sessioni in cui l'utente ha visto una pagina per il numero totale di sessioni come ad esempio: quando si svolgono 50 sessioni in un giorno con 14 sessioni per una pagina prima di tornare al motore di ricerca. Il calcolo è il seguente (14/50=0,28) ed è una buona frequenza di rimbalzo poiché la frequenza normale varia dal 40 al 60 percento e più è bassa, meglio è, perché, a sua volta, aumenta la fiducia di Google nel tuo sito e causa una valutazione migliore per il tuo sito.

Quando gli utenti cercano una parola specifica, Google vuole mostrare loro tutti i risultati che soddisfano e soddisfano le loro esigenze nel processo di ricerca e quando un utente torna direttamente alla pagina di ricerca da un risultato, segnala a Google che il contenuto è inappropriato per loro o non affidabile. Poiché la priorità di Google è l'utente, prova a ridurre la frequenza di rimbalzo rendendo il tuo sito comodo e facile per l'utente in modo da livellare i risultati della ricerca al di sopra dei tuoi concorrenti.

Scopri il metodo FullSEO di Semalt per unirti ai vertici di Google

Una situazione in cui una frequenza di rimbalzo elevata non è male.

Prima di rispondere alla domanda, è necessario conoscere molto bene qual è la configurazione strutturale del sito oltre che il suo scopo. Esistono due tipi di siti, il primo: che consiste in diverse pagine e categorie a cui è possibile accedere dalla pagina principale (come siti di e-commerce, blog didattici, siti di notizie ... ecc. L'uscita dell'utente subito dopo essere entrati la home page o qualsiasi altra pagina danneggia il sito. La seconda: che consiste in una pagina, che può essere una pagina di visualizzazione di un prodotto (Landing Page) o un blog costituito da una pagina. L'alto tasso di chiusura della pagina e di ritorno tornare alla pagina di ricerca non lo danneggerà. Conta su quella pagina per raggiungere gli obiettivi online.

5. Pagine e sessioni

Lunghe sessioni esprimono una buona esperienza utente e un sito ben organizzato che consente una facile navigazione tra le sue pagine, nonché una velocità di caricamento veloce. Poiché troviamo che la metrica delle sessioni è una semplice metrica che misura il numero di pagine che l'utente visita in una sessione. Quindi se il tuo sito ha un numero elevato di pagine come ad esempio con i siti di notizie, l'utente navigherà un gran numero di pagine durante la sessione.

Pertanto, monitora il movimento degli utenti all'interno del tuo sito e analizza le sessioni che eseguono per aiutarti a sviluppare contenuti e apportare miglioramenti alle pagine. Quindi metti la "call to action" appropriata per ottenere il valore reale da quelle visite, poiché un gran numero di sessioni senza interazione non dipende da te.

6. Durata media delle sessioni

Il termine durata media della sessione esprime la durata della visita dell'utente al sito. E tanto più il sito è strutturato a pagine informative e interconnesse tramite link interni in modo corretto. Ciò porterà l'utente a ottenere una buona esperienza all'interno del sito e a rimanere più a lungo prima di uscire. La durata della sessione è uno degli indicatori più importanti (KPI) della qualità dei contenuti.

7. Tempo di caricamento della pagina

Immagina di essere un utente di un sito web, quali sono le possibilità che aspetti cinque secondi affinché il sito si carichi completamente? Ovviamente la probabilità è bassa. E quindi la velocità di caricamento delle pagine del sito è uno dei fattori che influenzano i risultati dei motori di ricerca. Perché più a lungo viene caricato il sito, maggiore è la frequenza di rimbalzo del sito, che è la percentuale di visitatori che lasciano il sito direttamente senza intraprendere alcuna azione sul sito.

Inoltre, la velocità di caricamento del sito aumenta la possibilità di navigare meglio nel sito. Ottenendo così una buona ed efficace esperienza utente, effettuando l'acquisto o registrando dati, e come risultato di questi miglioramenti, raggiungendo obiettivi di marketing attraverso i motori di ricerca. Al contrario, nel caso di caricamento lento delle pagine del sito, che provoca una cattiva impressione all'utente, che fa sì che la possibilità che l'utente esca direttamente dallo stesso raggiunga il 90% se la velocità di caricamento della pagina raggiunge i cinque secondi.

Il momento migliore per scaricare le pagine? È un secondo o 3 secondi? Stabiliamo insieme una regola che più breve è il tempo di caricamento del sito, maggiori sono le opportunità, in cui il tempo di caricamento della pagina ideale dipende dalla complessità del contenuto e dalla pazienza dell'utente. E in base alla regola precedente, maggiore è la velocità di caricamento della pagina di oltre 3 secondi, aumenta la frequenza di rimbalzo. La velocità di caricamento della pagina può essere misurata tramite lo strumento gratuito di Google  «Pagespeed Insights».

8. Ultime pagine di uscita

La pagina di uscita è l'ultima pagina visitata dall'utente prima di completare la sua sessione sul sito, chiudere la scheda o cercare su un altro sito. L'indice delle pagine di uscita è anche uno dei fattori positivi nel processo SEO. L'uscita dell'utente dal sito dopo aver completato l'acquisto o dopo aver raggiunto la fine del percorso che è stato tracciato per lui all'interno del sito è un buon segno. Ma se una grande percentuale di utenti lascia una pagina che non intendi lasciare, allora alcuni miglioramenti dovrebbero essere apportati all'esperienza utente.

I dettagli delle pagine e dell'interazione all'interno del sito si possono trovare su "Google Analytics". Aiuta ad analizzare le pagine su cui terminano le sessioni utente, concludendo ciò che conta per l'utente e consentendo di sviluppare il processo di interazione all'interno del sito migliorando la "Call To Action" da una pagina, vi è la necessità essenziale di apportare alcuni miglioramenti a esso.

Puoi apportare questo miglioramento se hai qualche conoscenza nel campo SEO. Ma se no, ti consiglio di farlo contatta i nostri specialisti affinché questo problema venga risolto in modo che il tuo sito ottenga buoni risultati.

9. Problemi di scansione

Googlebot, che è responsabile dell'indicizzazione dei siti, esegue la scansione del tuo sito per memorizzare i dati nell'indice di Google per trovare le pagine del sito quando esegui una ricerca e ci sono due diversi tipi di Googlebot, il primo è il crawler desktop che indicizza i siti web per computer, e il secondo è il crawler mobile responsabile della catalogazione dei siti web per cellulari.

Googlebot potrebbe avere problemi ad accedere al tuo sito e quindi non può leggere il contenuto del sito, valutare completamente il contenuto o persino determinare l'importanza del contenuto per gli utenti e metterlo nel posto giusto, ma i problemi sono generalmente causati da un errore del server , ovvero mancata connessione "ypnobo" al server "N", scadenza della richiesta di scansione, oppure il sito ha smesso di funzionare, e ci sono anche problemi legati all'URL link "URL" se c'è una pagina che non è più esiste o contiene una serie di lunghi reindirizzamenti, questi errori di scansione possono essere trovati tramite Google Search Console, quindi dovresti controllare il sito dal webmaster per evitare errori.

Riepilogo dei 9 indicatori più importanti per misurare il successo del sito

Il processo SEO è un processo continuo che non si ferma. Quindi, questo deve essere fatto da a agenzia SEO qualificata. Perché durante il monitoraggio ci saranno nuovi miglioramenti che dovranno essere aggiunti al sito man mano che si evolve.
Quindi, per risparmiare tempo e ottenere buoni risultati a un costo inferiore, ti invito a dare un'occhiata il servizio offerto da Semalt.
Con gli esperti di Semalt, il successo del tuo sito sarà raggiunto seguendo gli indicatori più importanti che sono stati citati, come ad esempio:
  • monitoraggio delle visite gratuite al sito
  • la velocità di caricamento della pagina in modo che i tuoi visitatori ottengano un'esperienza utente utile
  • una soluzione Esplorazione dei problemi relativi all'aspetto del tuo sito nei risultati dei motori di ricerca
  • monitoraggio delle conversioni dei clienti per migliorare i "CTA" all'interno del sito a scopo di lucro
Perché tutti gli indicatori lavorano in armonia per servire insieme l'utente e la tua azienda.